RAGIONE E FOLLIA A Santa Maria della Pietà

SMARIAPIETA

Silvia Morganti, dott Pompeo Martelli e Franco di Mare con Eugenio Cardi

Entusiasmante presentazione, quella del 23 novembre scorso, a Santa Maria della Pietà. Il Dottor Pompeo MARTELLI (Direttore Centro Studi e Ricerche ASL RME), Franco DI MARE (giornalista RAI) e Fabio Lazzara (Presidente Municipio Roma XIX) hanno presentato – nella Sala Convegni FRANCO BASAGLIA del complesso di Santa Maria della Pietà – il mio ultimo romanzo RAGIONE E FOLLIA, la vita segreta del dottor Charpentier.

Le letture di brani tratti dal romanzo sono state curate dall’attrice Silvia MORGANTI.

Al termine della presentazione è stato offerto un aperitivo di saluto a tutti gli intervenuti.

L’evento (realizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale PUNTOEACAPO) ha ottenuto il Patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma e del Municipio Roma XIX Monte Mario.

Foto di Giuseppe Scognamiglio, dell’Associazione BIANCO E NERO L’Immagine Latente

“Ragione e follia: la vita segreta del Dottor Charpentier”
Autore: Eugenio Cardi
Edizioni Fermento, Roma (Ottobre 2007)

INCIPIT

Il dottor Charpentier lasciò la sua abitazione di Rue des Sablons esattamente alle quattro del pomeriggio, così come usava fare di solito nei giorni feriali.
Un attimo prima di varcare l’uscio della sua grande casa lanciò un’occhiata distratta dalla piccola finestra dell’ingresso.
Guardò il cielo e ritrasse lo sguardo sconsolato.
Decise di prendere l’ombrello, la giornata non prometteva nulla di buono.
Dall’attaccapanni prese l’elegante cappello a falde larghe che anni addietro gli aveva regalato sua moglie Adeline – in occasione di un anniversario di matrimonio – e se lo calcò in testa con un gesto deciso.
Guardò ancora fuori dalla piccola finestra e, sospirando, si decise ad uscire.
Aprì il pesante portone di legno del piccolo palazzo di epoca napoleonica con mano ferma ma lenta; l’età avanzata iniziava a far sentire i suoi effetti.
Una volta in strada, voltò distrattamente lo sguardo verso l’angolo con Rue Saint Didier: il venditore ambulante di caldarroste era già lì, e questa cosa non gli piacque null’affatto.
Era il segno che un altro inverno era di già alle porte.
Rimase a guardarlo di sottecchi per qualche attimo; infine riprese lentamente il suo cammino.